Dal suono al segno

dal Suono al Segno

Allenamento alla scrittura

di Claudio Vio, Patrizio Tressoldi, Lucina Tretti

Categoria: Scrittura Ambito: Ortografia Fascia di età: 5 - 10 anni
 dal suono al segno Dal Suono al segno è un programma riabilitativo specifico per le difficoltà e i disturbi della scrittura nella sua componente ortografica. Gli esercizi sono stati costruiti prendendo in esame le diverse fasi di elaborazione del fonema fino al recupero della sua veste grafica: si parte con stimoli che propongono compiti di discriminazione uditiva di corrispondenze regolari di suoni simili, per proseguire con l’analisi fonemica sequenziale, l’associazione sequenziale fonema-grafema, la conversione del fonema nel grafema, fino ad arrivare al recupero mentale delle forme ortografiche. I modelli dai quali sono state individuate le proposte riabilitative sono due: quello evolutivo di Frith (1985; Caravolas, 2004) e quello neuropsicologico a due vie di Coltherat (1978).

Cosa è

ico-cosa-suonosegnoE' una applicazione che affronta in modo sistematico le difficoltà che un bambino può incontrare nell’acquisizione dei processi linguistici della scrittura.

Per chi

per chiE' un programma rivolto a bambini e ragazzi che commettono numerosi errori nella scrittura, sia in presenza di una condizione di disturbo (disortografia evolutiva), sia in presenza di un ritardo nell’acquisizione del processo strumentale. Gli errori nella scrittura possono riguardare selettivamente, o combinate assieme, difficoltà di natura fonologica, fonetica, visivo-ortografica, la produzione di fusioni o separazioni illegali, il riconoscimento di parole omofone non omografe. La fascia di età consigliata per l’uso del programma è tra i 5 e i 10 anni.

Area di riferimento

area di riferimentoDal suono al segno è un programma che intende stimolare la discriminazione di suoni simili, la conversione del suono nel segno grafico corrispondente, il riconoscimento di raddoppiamenti, il recupero lessicale del vocabolo. In breve, le abilità definite dallo stadio alfabetico ed ortografico-lessicale della scrittura. Gli esercizi sono stati costruiti con l’intento di proporre ai bambini attività mirate alle diverse problematiche fonologiche della scrittura. Sono presi in esame, inoltre, le principali difficoltà fonetiche (doppie e accenti), e sono previsti, nelle fasi conclusive del programma, esercizi di tipo lessicale. La scelta degli stimoli del software è dettata dall’incidenza degli errori commessi dai bambini nella scuola primaria (Vio, Toso, 2012, pag. 38, Angelelli e coll. , 2004, 2010), assieme al criterio dell’alta frequenza d’uso della parola.

Come funziona

come funzionaLe attività proposte, corredate da sintesi vocale, consentono al bambino di acquisire o potenziare le specifiche abilità di discriminazione uditiva, di conversione grafema fonema e di recupero ortografico della parola udita. La possibilità di associare il suono al grafema, di ricevere dal computer un segnale quando quel grafema può essere pronunciato in modo differente a seconda della lettera che segue, di far ripetere al computer la sequenza della lettera, sillaba o della parola, rende la proposta riabilitativa unica nel suo genere ed efficace per quasi tutte le tipologie di errore di scrittura. Il clinico ha a disposizione una serie di opzioni relative alla scelta del punto di partenza del percorso e il livello di difficoltà degli stimoli da proporre.

Trattamento

trattamentoL’applicazione prevede l’esercizio quotidiano (o secondo diversa indicazione dello specialista) di 20 minuti per un periodo di tre mesi, con la presenza iniziale di un adulto, il cui compito è quello di assistere il bambino durante l’esecuzione delle attività e sostenerlo durante le fasi iniziali di conoscenza del programma. Il bambino nel tempo può esercitarsi autonomamente perché il sistema registra l’errore ed il numero di tentativi sostenuti per svolgere correttamente l’attività, indici importanti per definire quando passare al livello successivo.

Efficacia

EfficaciaIl programma è stato sperimentato da operatori specializzati di un’Unità Operativa dell’Età Evolutiva con un campione clinico ed ha evidenziato una remissione significativa degli errori fonologici nella scrittura, ma anche di quelli fonetici e visivo-ortografici.